cappuccio di pile

Se mai mi sentirete dire che mi piace l’inverno sicuramente sarò impazzita. Quello che odio di più di questa stagione è che, nonostante ti metta tanti vestiti addosso, hai sempre freddo e non posso sicuramente uscire di casa con lo scaldacollo addosso. Quando esco mi sento un sacco imbottito che cammina. In particolare tra sciarpa e cappuccio se infila sempre un venticello gelido. 

Così ho pensato di realizzarmi un cappuccio in pile, che tiene molto caldo, con attaccata una sciarpa che, una volta indossato, non facesse entrare aria da nessuna parte.

Non avendo mai fatto niente del genere, ho avuto qualche problema a realizzare la parte del cappuccio ma, con un cappuccio tagliato da un vecchio accappatoio, un po’ di spilli e un po’ di fantasia, sono riuscita a realizzare un cartamodello. Il mio cappuccio non è un modello di eleganza ma in quanto a calore non lo batte nessuno. In più, avendo la pelle delicata, anche se il pile è morbido ho preferito inserire all’interno del cappuccio un secondo strato di popeline di cotone.

Siete freddolose come me e volete provare a farvi un cappuccio in pile? Prendiamo:

– pile
– popeline di cotone

Per prima cosa realizziamo un cartamodello come quello qui sotto, ritagliamolo lungo la linea tratteggiata, che è la parte delle cuciture, riportiamolo su un pezzo di carta e tagliamo il cartamodello.

Mettiamo il pile doppio dritto contro dritto, fissiamo con gli spilli il cartamodello di carta e tagliamo il pile. Facciamo la stessa cosa con il popeline di cotone.

Avremo così le due parti del cappuccio di pile e dell’interno in cotone.

Il passo successivo è cucire sia il cappuccio che il popeline. Mettiamo dritto contro dritto le due parti del pile e cuciamo lungo la parte curva. Stessa cosa con il popeline.

Inseriamo, sempre dritto contro dritto, il pile nel popeline, e cuciamo lungo il bordo che circonderà il viso. Tagliamo la stoffa in eccesso lungo la cucitura.

Rigiriamo il lavoro e ribattiamo la cucitura. Per comodità possiamo usare delle mollettine per tenere ferme le due stoffe.

Provate il vostro cappuccio: deve arrivare alla base del collo. Se dovesse essere troppo lungo, tagliate la parte in eccesso.

E’ ora di unire il cappuccio di pile alla sciarpa.

Tagliamo un pezzo di pile di cm. 48 x cm. 100 e stendiamolo ben aperto. Su uno dei due lati lunghi, lasciando 20 centimetri di stoffa da una parte, attacchiamo il nostro cappuccio con le mollettine.

Ripieghiamo su se stesso il taglio di pile, lasciando il cappuccio all’interno della piega, e cuciamo insieme il lato lungo e uno dei lati corti. Rigiriamo il cappuccio di pile e, per cucire la parte rimasta aperta, ripieghiamo in dentro il pile e ribattiamo la cucitura tutto intorno.

Che ne dite? Non sarà bellissimo ma l’importante è che sia caldo. Possiamo indossarlo sotto il giubbotto oppure sopra con una bella spilla che tenga chiuso il cappuccio.

Con il mio cappuccio in pile partecipo all’evento Handamde Winter, del gruppo The Creative Factory. Quali saranno le idee per l’inverno delle altre mie bravissime amiche creative? Andiamo a scoprirlo insieme.



Restiamo in contatto sui social?
Seguimi su Facebook “Hobby e Creatività
o sul mio profilo Pinterest.

Licia

7 Commenti su Cappuccio di pile fai da te

  1. Questo si, che tiene alla larga il freddo!!!!!!!!!!!
    Complimenti per l’idea e sopratutto per la realizzazione!!!!!
    BRAVISSIMAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!
    Kissssssssssssssssssssss

  2. Licia e’ fantastico , sopratutto messo sotto la giacca, copre il collo che e’ una meraviglia! Sembra un cappuccio di felpa.

  3. This is great for the cold weather we’ve been having. My mother made me a hood similar to this one a couple of years ago, but it’s knitted and I can still feel the cold air passing through the gaps in the yarn. I think I prefer your version.
    Thank you for sharing at The Really Crafty Link Party. Pinned.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.